22 Maggio 2024

Tra i tanti stili che si possono scegliere quando si decide di arredare la propria casa, quello minimal rispetta le linee della semplicità e della sobrietà, non rinunciando alle comodità essenziali.

Come arredare in stile minimal?

La casa è la massima espressione dell’estro e della personalità di ognuno. Scegliendo lo stile minimal si sta optando per linee geometriche, forme pulite, sobrietà, colorazioni neutre e arredamento essenziale. Tutto ciò avviene per realizzare un’abitazione in cui non c’è spazio per il superfluo, prediligendo ciò che realmente occorre. È possibile creare tutte le stanze in questo stile oppure soffermarsi solamente su alcuni ambienti. Le camere da letto, in particolar modo, traggono molto vantaggio dall’essere arredate in modo essenziale. Così come i salotti, che si trasformano in luoghi di convivialità. Anche le cucine, cambiandosi d’abito, acquisiscono un aspetto di ordine e pulizia.

Con il fuori tutto da Dondi Arreda, al sito https://www.dondiarreda.it/outlet puoi trovare molte operazioni per realizzare la tua cucina dei sogni, la zona living che hai sempre desiderato, i divani più comodi e le camere da letto più

Gli errori da non commettere

L’errore più comune che accade quando si decide di arredare la propria casa in stile minimalista è quello di rendere gli ambienti spogli, tristi, cupi e non funzionali. Questo filone di arredamento, pur non prediligendo le grandi decorazioni a vista, ama i dettagli, che sono alla base della buona riuscita di un’abitazione declinata minimal. Ecco perché l’occhio deve andare, ad esempio, sulle maniglie delle porte, sui pomelli delle ante e sulle fantasie della tappezzeria.

Anche la scelta del colore sbagliato può inficiare sulla resa finale. Per il design minimalista, evitare toni o contrasti troppo accesi e proseguire, invece, con nuances più tenui e delicate è la soluzione più indicata. Un esempio, può essere una stanza o addirittura un’intera casa formata da pareti bianche, mobili grigi e tappezzeria nera oppure, volendo toni più caldi, si può giocare con le sfumature del beige in ogni stanza, a cui si aggiungeranno punte di marrone più scuro. Insomma, anche in campo minimal è la fantasia a farla da padrone.